Stella di mare
0 1
Libri Moderni

Pulixi, Piergiorgio

Stella di mare

Abstract: Certi luoghi sono maledetti. E le persone che ci abitano condannate a un destino che non meritano. Lo sa bene Stella, diciassette anni, l’estate negli occhi e addosso l’esuberanza di chi è giovane. Tutti a Sant’Elia, un quartiere popolare di Cagliari affacciato sul mare, la conoscono, la desiderano e la invidiano: perché lei è splendida, impunita. Speciale. Ma un giorno in cui il maestrale infuria rabbioso, viene trovata morta su una spiaggia, il volto sfregiato come a cancellare la sua bellezza leggendaria. Stella era pronta a lasciarsi alle spalle i palazzoni di Sant’Elia, ma il destino, o meglio, un assassino, ha scritto diversamente il suo futuro. È un’indagine difficile, questa, in cui si moltiplicano i sospettati e le piste: il vicequestore Vito Strega, insieme alla sua squadra di ispettrici, dovrà districarsi nei segreti di un quartiere impenetrabile per la polizia. E, fin da subito, dovrà fare i conti con i fantasmi della gente del posto e anche con i propri, che sperava di aver sepolto per sempre e invece tornano ad affiorare più forti che mai. In questo noir in cui i personaggi, attraverso i loro chiaroscuri, prendono vita come in un’antica tragedia, Piergiorgio Pulixi indaga il senso più controverso della giustizia, fa breccia negli indelebili legami di sangue e interroga le colpe dei padri.


Titolo e contributi: Stella di mare / Piergiorgio Pulixi

Pubblicazione: Milano : Rizzoli, 2023

Descrizione fisica: 423 p. ; 22 cm

Serie: Nero Rizzoli

EAN: 9788817178495

Data:2023

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Autore)

Soggetti:

Classi: 853.92 NARRATIVA ITALIANA. 2000- (0) Giallo (Mystery) <genere fiction> (0) Poliziesco <genere fiction> (0) Racconti seriali e saghe <genere fiction>

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2023
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 19 copie, di cui 9 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Peccioli, Fonte Mazzola G 853.92 PUL 0210-11005 In prestito 12/06/2024
Cascina 853.92 PUL 0020-33916 In prestito 24/06/2024
Pontedera, Giovanni Gronchi GIALLO 853 PUL ste 0010-88448 In prestito 12/06/2024
San Miniato, San Miniato Basso NAD 853.92 PUL STE SM170-66386 Su scaffale Non disponibile
Lari na 853.92 PUL 2 0070-17815 In prestito 14/06/2024
Bientina 853.92 PUL 0230-12804 Su scaffale Disponibile
Vicopisano 853 PUL 2 0030-31159 In prestito 12/06/2024
Ponsacco 853.92 PUL STE 0110-24535 In prestito 17/06/2024
Vecchiano 853.92 PUL 0170-14082 Su scaffale Disponibile
Capannoli 853.92 PUL 0060-9593 Su scaffale Disponibile
Peccioli, Fonte Mazzola G 853.92 PUL 0210-11289 In prestito
Crespina Narrativa adulti 853.92 PUL 2 0090-408126 Su scaffale Disponibile
San Giuliano Terme 853 PUL 7 0040-29194 In prestito 22/06/2024
San Giuliano Terme, Bibliocoop 853 PUL 1 0044-526 Su scaffale Prestito locale
Montopoli in Val d'Arno GIALLO PUL 0180-26261 Su scaffale Disponibile
Buti 853.92 PUL 0190-13794 In prestito 17/06/2024
Calci 853 PULP 2 0200-15423 Su scaffale Disponibile
San Miniato, BiblioCoop NAD 853.92 PUL STE 0041-728 Su scaffale Prestito locale
Santa Luce 853.9 PULIP 0330-6659 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Stella di mare, o meglio Stella Maris, è la scritta tatuata sul corpo di una bellissima ragazza trovata morta e sfigurata sulla spiaggia di Giorgino. Si tratta di Maristella, una diciasettenne, desiderata dagli uomini e odiata dalle donne. E lei, consapevole della sua bellezza, un po’ provoca e un po’ stuzzica, ma senz’altro domina.

Siamo a Sant’Elia, un quartiere popolare di Cagliari, dove il degrado sociale, la corruzione e la connivenza con le bande malavitose sembrano non dare scampo ai suoi residenti che, quasi come su un piano inclinato, si trovano sulla traiettoria di un treno senza fermate, senza possibilità di scampo e, forse, anche di redenzione.

Coinvolto nuovamente il SIS, nucleo speciale chiamato a indagare su casi particolarmente complicati, e toccherà alle ispettrici Mara Rais ed Eva Croce fare i conti con questo brutale omicidio e con l’omertà del contesto familiare e/o sociale. Le due coadiuvate da Clara Pontecorvo (distaccata momentaneamente in Sardegna per ricevere dalle due colleghe ispettrici il giusto addestramento per entrare a far parte del SIS) si renderanno ben presto conto che «È una brutta faccenda. L’omicidio in sé sembra un delitto d’odio, ma è il contesto da cui proviene la ragazza che rende tutto più complesso e indecifrabile.»

Il vicequestore Vito Strega è a Milano alle prese con i fantasmi del suo passato che, con la voce di un “coro di innocenti”, ritorna periodicamente a fargli visita costringendolo a ricorrere alle sedute dello psichiatra che lo segue da quando aveva otto anni e agli psicofarmaci. È un brutto momento per Strega perché, dovendo coadiuvare le colleghe, è terrorizzato dal fatto che le due, astute come nessun altro, percepiscano in lui qualcosa di strano, smascherandolo nell’intimo. Ma era anche un professionista, sempre alla ricerca della giustizia e sapeva che quando si gettava a capofitto nel lavoro «le voci si affievolivano. E più il coinvolgimento tra lui e la vittima era profondo, più quel coro straziante si attenuava, quasi che le voci percepissero la responsabilità che incombeva su di lui e ne avessero rispetto.»

Il simpatico e scanzonato ispettore Bepi Pavan è, invece, prossimo al ritiro in una clinica specializzata in dimagrimenti.

Le indagini porteranno Rais e Croce a fare i conti con il fidanzato di Stella che è a capo del traffico di stupefacenti e con la famiglia della ragazza dove, forse, si salva solo la nonna…

«… non bisogna mai farsi prendere dalla fretta ma analizzare per bene tutte le geometrie famigliari, solo che in questo caso sembra di giocare a shanghai da quanto sono incasinati i loro rapporti.»

Piergiorgio Pulixi, gran curatore di dettagli, ci consegna in tutti i suoi romanzi delle ambientazioni straordinarie. Qui siamo nel quartiere cagliaritano di Sant’Elia dove il contesto sociale sembra predestinare i suoi abitanti. Solo qualcuno riesce a scappare via e a trovare un riscatto altrove ed è proprio quello che voleva fare la bella Stella.

Tutti i personaggi sono, come sempre, splendidamente caratterizzati sia quelli che rappresentano la serialità, sia quelli propri della vicenda.

È una narrazione anomala quella di Stella di mare perché le indagini, sull’omicidio della giovane, sono svolte per circa due terzi dal gruppo di sole donne: Rais, Croce e Pontecorvo. Quest’ultima, nuovo acquisto del SIS, va a completare una squadra che, se da un lato è “sopra le righe”, dall’altro presenta acume e perspicacia non comuni, ma anche un’empatia e un’umanità palpabile.

«Pontecorvo non era soltanto una poliziotta determinata e caparbia, ma una persona perbene, che si prendeva a cuore i casi e non si dava pace finché le vittime non ricevevano un minimo di giustizia. Quella sua dedizione era proprio ciò di cui la squadra aveva bisogno.»

Poi, però, l’arrivo del mitico vicequestore darà una svolta inaspettata alla vicenda fino all’epilogo che sarà un vero e proprio colpo al cuore.

Il messaggio sotteso a tutta la narrazione è quello esplicitato nella sinossi: certi luoghi sono maledetti. E le persone che ci abitano condannate a un destino che non meritano.

Sarà poi così? L’unica via di scampo, è fuggire o è possibile cambiare ciò che sembra ineluttabile?

La scrittura di Pulixi è viva, brillante e contemporanea anche grazie all’uso di un pot-pourri di dialetti (veneto, toscano, sardo e napoletano).

I cambi di scena repentini, quasi a schiaffo, danno la giusta suspense e ci permettono di avere il controllo della situazione a 360 gradi.

In conclusione, anche con questo noir dalla trama cruda, Pulixi, da vero fuoriclasse, ci permette di fare un vero e proprio “viaggio” emozionale e immersivo.

Imperdibile.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.