La portalettere
5 1
Libri Moderni

Giannone, Francesca <1982->

La portalettere

Abstract: Salento, giugno 1934. A Lizzanello, un paesino di poche migliaia di anime, una corriera si ferma nella piazza principale. Ne scende una coppia: lui, Carlo, è un figlio del Sud, ed è felice di essere tornato a casa; lei, Anna, sua moglie, è bella come una statua greca, ma triste e preoccupata: quale vita la attende in quella terra sconosciuta? Persino a trent'anni da quel giorno, Anna rimarrà per tutti «la forestiera», quella venuta dal Nord, quella diversa, che non va in chiesa, che dice sempre quello che pensa. E Anna, fiera e spigolosa, non si piegherà mai alle leggi non scritte che imprigionano le donne del Sud. Ci riuscirà anche grazie all'amore che la lega al marito, un amore la cui forza sarà dolorosamente chiara al fratello maggiore di Carlo, Antonio, che si è innamorato di Anna nell'istante in cui l'ha vista. Poi, nel 1935, Anna fa qualcosa di davvero rivoluzionario: si presenta a un concorso delle Poste, lo vince e diventa la prima portalettere di Lizzanello. La notizia fa storcere il naso alle donne e suscita risatine di scherno negli uomini. «Non durerà», maligna qualcuno. E invece, per oltre vent'anni, Anna diventerà il filo invisibile che unisce gli abitanti del paese. Prima a piedi e poi in bicicletta, consegnerà le lettere dei ragazzi al fronte, le cartoline degli emigranti, le missive degli amanti segreti. Senza volerlo - ma soprattutto senza che il paese lo voglia - la portalettere cambierà molte cose, a Lizzanello. Quella di Anna è la storia di una donna che ha voluto vivere la propria vita senza condizionamenti, ma è anche la storia della famiglia Greco e di Lizzanello, dagli anni '30 fino agli anni '50, passando per una guerra mondiale e per le istanze femministe. Ed è la storia di due fratelli inseparabili, destinati ad amare la stessa donna.


Titolo e contributi: La portalettere : romanzo / Francesca Giannone

Pubblicazione: Milano : Nord, 2023

Descrizione fisica: 414 p. ; 23 cm

Serie: Narrativa ; 864

ISBN: 9788842934844

EAN: 9788842934844

Data:2023

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: Narrativa ; 864

Nomi: (Autore)

Soggetti:

Classi: 853.92 NARRATIVA ITALIANA. 2000- (0) Genere: Intimistico e domestic fiction

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2023
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 30 copie, di cui 29 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
San Miniato, Mario Luzi NAD 853.92 GIA/FR POR SM038-65272 In prestito 15/05/2024
Pontedera, Giovanni Gronchi NARRATIVA 853 GIA por 0010-86632 In prestito 17/06/2024
Santa Maria a Monte 853.92 GIAF por 0100-21928 In prestito 01/06/2024
Volterra 853.914 GIA 0150-20846 In prestito 10/06/2024
Cascina 853.92 GIA 0020-33647 In prestito
Casciana Terme 853 GIAN 1 0080-11714 In prestito
Pisa SMS 850 GIANN por 0250-87920 In prestito 19/06/2024
Pisa SMS 850 GIANN por 1 0250-87980 In prestito
San Giuliano Terme 853 GIAF 1 0040-28664 In prestito 12/06/2024
Montopoli in Val d'Arno 853.92 GIA 0180-26111 In prestito 06/06/2024
Lorenzana 853 GIA por 0430-4299 In prestito 18/06/2024
Terricciola 853.92 GIA 0220-16667 In prestito 22/06/2024
Ponsacco 853.92 GIA POR 0110-24147 In prestito
Lajatico 853 GIA 0370-3829 In prestito
Calcinaia 853.9 GIA CAL 0120-23343 In prestito
Riparbella 853.9 GIANF 0520-6787 In prestito 13/06/2024
Castellina Marittima 853.9 GIANF 4658 In prestito 07/06/2024
Calci 853 GIAF 1 0200-15254 In prestito
Cascina 853.92 GIA 0020-34013 In prestito 24/06/2024
Santa Luce 853.9 GIANF 0330-6520 In prestito 06/06/2024
Peccioli, Fonte Mazzola 853.92 GIA 0210-11226 In prestito
Cascina 853.92 GIA 0020-34390 In prestito 22/06/2024
Forcoli Forcoli 853.92 GIA 0410-2736 In prestito 08/06/2024
Vicopisano 853 GIAF 1 0030-31682 In prestito 01/06/2024
Pisa, BiblioCoop Porta a Mare BIBLIOCOOP 850 GIANN por 0250-90355 In prestito 21/06/2024
Pontedera, ITCG Fermi Renato Marzini 853 GIA POR 2020-14861 In prestito
San Miniato, BiblioCoop NAD 853.92 GIA POR 0041-718 Su scaffale Prestito locale
Castelnuovo Val di Cecina 853.92 GIA POR 0240-3849 In prestito 24/06/2024
Castelnuovo Val di Cecina 853.92 GIA POR 0240-3851 In prestito 25/06/2024
Cascina, BiblioCoop 850 GIA 0025-2166 In prestito 24/06/2024
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

(tratto da quotidianopuglia.it)

«Mentre lavoravo mi ripetevo una frase di Hemingway: "scrivi la cosa più autentica che sai"». Francesca Giannone racconta come è nato La portalettere. Il suo fulminante romanzo d'esordio è un vero caso editoriale: è in classifica da quando è uscito, lo scorso 10 gennaio, ed è già alla settima edizione. Non solo: presto l'epopea di Anna Allavena - la donna ligure che piomba in Salento e diventa la prima postina del Meridione, creando grande scandalo negli anni Trenta - diventerà una serie tv, prodotta da una casa di produzione romana.
Per la casa editrice Nord, è il quarto colpo del genere, messo a segno dalla direttrice editoriale Cristina Prasso. Dopo l'enorme successo di Stefania Auci e dei suoi Leoni, in due volumi bestseller dedicati ai Florio, sono seguite altre due saghe familiari, quella dei Casadio (La casa sull'argine di Daniela Raimondi) e quella dei Crespi (Al di qua del fiume di Alessandra Selmi). La portalettere è ispirato alla vera storia della bisnonna dell'autrice, della famiglia Greco e della comunità di Lizzanello, piccolo paese alle porte di Lecce.

Come è nato questo romanzo?
«Probabilmente senza il lockdown non sarebbe venuta fuori questa storia.

Tutti in quel periodo abbiamo fatto pulizia, rovistato cassetti. Io stavo aiutando mia madre a pulire dei mobili quando è venuto fuori un immenso tesoro. C'era un biglietto da visita vecchio di cent'anni della mia bisnonna. E poi antiche foto in bianco e nero, documenti, lettere d'amore. Per settimane mi sono messa a spulciare tutto quello che c'era. Avevo trovato un mondo».

È su questi documenti che si basa la sua ricostruzione?
«Sì, e anche sui racconti di mia madre, depositaria di tante cose in famiglia. Lei possiede ancora il mortaio che Anna usava per triturare il basilico, che conserviamo come un cimelio. E poi, ho chiacchierato tantissimo con gli anziani del paese, che all'epoca erano bambini. Si ricordavano tutti di questa donna, che loro chiamavano "la forestiera". Un soprannome che le è rimasto fino alla fine dei suoi giorni. Ho raccolto queste testimonianze e fatto tanta ricerca storica sul Salento di quegli anni, soprattutto sugli anni Trenta, e poi oltre, fino agli anni Sessanta».

Si tratta della prima portalettere del Salento?
«Del Salento sicuramente. Ipotizzo anche della Puglia, visto che non ci sono altre testimonianze di postine donne, all'epoca. Neppure negli archivi postali».

Anna faceva davvero scrivere messaggi segreti sotto i francobolli?
«Mi sono ispirata a due amanti che a quel tempo comunicavano in quel modo. Ho usato anche tante fotografie per ricostruire le scenografie, e i costumi di quel periodo. Sono partita da lei e poi ho costruito la famiglia».

Com'era la sua bisnonna?
«Sicuramente antifascista e progressista. Nella terza parte del libro fonda una casa delle donne per aiutare persone in difficoltà, analfabete, vittime di violenza domestica, oppure che avevano perso il marito in guerra ed erano rimaste senza fonti di sostentamento per sopravvivere. Lei aiutava le donne nel privato, io nella finzione letteraria la immagino fondare questa struttura con molti anni di anticipo, rispetto agli anni Settanta, quando nascono tante case delle donne».

Non deve avere avuto vita facile, in paese, no?
«Sì e non si è mai integrata veramente, malgrado avesse questo ruolo di collante sociale: entrava nelle case di tutti, leggeva le lettere agli analfabeti...»

Quali tappe ha toccato prima di scrivere "La portalettere"?
«Ho studiato a Lecce Scienze della Comunicazione. Ho vissuto a Roma per sei anni, ho frequentato il Centro sperimentale di cinematografia. All'inizio volevo fare cinema. Il desiderio di scrivere è arrivato dopo, quando ho frequentato la scuola di scrittura di Carlo Lucarelli, Bottega Finzioni. A Bologna ho lavorato con il Fondo Luigi Bernardi, c'era un enorme archivio di libri e fumetti da riordinare. Fu lui far esordire autori come Magnus...»

E poi?
«Sono tornata a Lizzanello, dove si svolge la storia del libro. Dipingo anche, ma sono un'autodidatta, la vedo come un gioco. Ho venduto molti quadri negli Stati Uniti, tra New York e Los Angeles. Magari sarà partito un passaparola...»

Sta già pensando a un seguito?
«C'è uno spiraglio nell'epilogo, che si svolge nel 61, che può far pensare a un seguito. Vedremo. Intanto, i diritti di questo libro sono stati opzionati da una grossa casa di produzione cinematografica romana - non posso ancora dire quale - che vuole farne una serie tv. C'è stata un'asta piuttosto agguerrita, con cinque concorrenti».

Ispirazioni letterarie?
«Amo follemente Elena Ferrante, la trilogia dell'amica geniale. Ma non ho provato a scrivere come lei. Ho cercato la mia voce, e per la prima volta è venuta fuori».

Come si spiega tutto questo successo?
«Le emozioni di chi scrive arrivano anche a chi legge. Quando ho scritto l'epilogo, ho pianto. E, come me, tanti mi hanno scritto di essersi commossi leggendo quelle pagine».

Come l'hanno presa in paese?
«In realtà benissimo. E sono contenta perché finalmente, dopo tanti decenni, la comunità rende omaggio a una concittadina che, nel suo piccolo, ha contributo a fare la Storia».

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.