Una cosa da nascondere
0 1
Libri Moderni

George, Elizabeth

Una cosa da nascondere

Abstract: Teo, una donna di origine nigeriana che lavorava per la polizia di Londra, ha cessato da poco di respirare. Una morte apparentemente inspiegabile, finché l'autopsia non rivela il trauma letale causato da un gesto omicida, oltre a un'ombra cupa che risale al suo passato. È stato questo passato a tenderle una trappola fatale, o la sua tragica fine è legata al difficile caso al quale era impegnata sotto copertura? E se le due cose fossero collegate? Solo due giorni prima della morte Teo aveva litigato furiosamente con la sorella, Rosie, che sembra sapere molto più di quanto riveli. Cosa o chi cerca di nascondere? Sono i dubbi tra i quali si dibattono il sovrintendente Thomas Lynley, il sergente Barbara Havers e Winston Nkata, alle prese con l'indagine forse più complessa e delicata della loro carriera. Un percorso a ostacoli tra omissioni, pressioni indebite e falsi indizi, le menzogne e i segreti di una comunità solo in apparenza unita e solidale, che nasconde sotto la superficie terribili verità e consuetudini crudeli.


Titolo e contributi: Una cosa da nascondere : romanzo / di Elizabeth George ; traduzione di Sara Crimi e Laura Tasso

Pubblicazione: Milano : Longanesi, 2022

Descrizione fisica: 628 p. ; 23 cm

Serie: La gaja scienza ; 1423

ISBN: 9788830455238

EAN: 9788830455238

Data:2022

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: La gaja scienza ; 1423

Nomi: (Traduttore) (Autore) (Traduttore)

Soggetti:

Classi: 813.54 NARRATIVA AMERICANA IN LINGUA INGLESE, 1945 -1999 (0) Giallo (Mystery) <genere fiction> (0) Poliziesco <genere fiction> (0)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2022
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 9 copie, di cui 8 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Cascina 813.5 GEO 0020-32381 In prestito 09/06/2022
Pomarance 813.6 GEO 0140-13537 In prestito
Santa Maria a Monte 813.54 GEO cos 0100-21682 In prestito
Bientina 813.54 GEO 0230-11521 In prestito 23/05/2022
Pisa SMS 810 GEOR cos 0250-83819 In prestito
San Miniato, Mario Luzi NAD 813.5 GEO COS SM038-63509 In prestito 13/06/2022
San Giuliano Terme 0 In ordine Non disponibile
Chianni 813.54 GEO 0130-6964 In prestito 10/06/2022
Calcinaia 813.6 GEO CAL 0120-22026 In prestito 13/06/2022
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Ventunesimo titolo della saga che vede come protagonista l’ispettore di Scotland Yard Thomas Lynley, nato dalla prolifica penna della scrittrice statunitense Elizabeth George, Qualcosa da nascondere affronta un tema duro e difficile da comprendere per noi occidentali ‘civilizzati’: l’infibulazione. Pratica ancora in uso in paesi come il Sudan, la Somalia e la Nigeria, l’infibulazione – la rescissione del clitoride – viene considerato un mezzo per purificare la donna prima del matrimonio, per renderla incapace di godere durante l’atto sessuale poiché ella non è altro che un’appendice del maschio al quale spettano ogni onore, servitù, procreazione, cura della casa e dei figli. E tutto la donna deve accettare in silenzio: sottomessa, ignorante e lieta. Questo indicibile orrore viene quasi sempre eseguito prima della pubertà, a volte addirittura su bambine piccolissime così che non ricordino il dolore e non ne comprendano le conseguenze: infezioni dure a guarire nonché la violenza e i mezzi rudimentali con i quali l’operazione è portata a termine. Se ne accorgeranno da adulte, quando sarà troppo tardi per rimediare.

Partendo da questo dato, la George ci racconta una vicenda intricata e avvincente che prende il via in una Londra estiva e contemporanea, stroncata da un’anomala ondata di calore, e che si muove fra gli eleganti quartieri di Chelsea e Belgravia e quei distretti disagiati abitati dalle etnie più disparate, da famiglie sovente integrate solo di nome e mai di fatto. È il caso dei nigeriani Bankole, il padre padrone Abeo, la madre sottomessa Monifa, la piccola Simisole di otto anni e il diciottenne Tanimola (Tani) unico, sembra, ad aver accolto i dettami dell’Occidente tanto da rifiutare l’imposizione paterna di sposare una ragazza nigeriana – infibulata – per la quale il genitore ha già pagato il ‘prezzo della sposa’ e che verrebbe ‘spedita’ in Inghilterra per le nozze. Ma il rifiuto di Tani non genera solo la violenza fisica di Abeo contro figlio e moglie. Al fine di recuperare i soldi spesi, Abeo pretende che la piccola Simi venga ‘operata’ di corsa per essere a sua volta rivenduta come moglie.

L’infibulazione in Inghilterra non solo è proibita, ma punita con il carcere alimentando in questo modo un lucroso mercato di cliniche clandestine e singole ‘tagliatrici’ che svolgono l’incarico nel silenzio omertoso di una parte della comunità di colore. Contro di loro opera da tempo un’agente sotto copertura della polizia londinese, Teodora ‘Teo’ Bontempi, nigeriana e figlia adottiva di una coppia Franco-italiana. Si muove usando il suo nome di nascita, si veste con abiti tradizionali ed è in contatto con un’organizzazione – Orchid House – creata da un’altra nigeriana, l’imponente e implacabile Zawadi, il cui scopo è salvare le bambine destinate a essere tagliate. Con la stessa organizzazione entra in contatto anche Deborah St. James, rinomata fotografa, per la creazione di un video contro l’infibulazione da utilizzare nelle scuole. Incontrerà Teo senza sapere chi veramente sia la giovane donna e avrà un ruolo di rilievo nell’aiutare l’ispettore Lynley e i suoi sottoposti, Barbara Havers e Winnie Nkata, a scoprire chi, come e perché ha provocato la morte di Teo e nel salvare Simi, sua madre Monifa e il fratello Tami dalla spietata persecuzione di Abeo.

Questa, in breve, la storia e alcuni dei personaggi principali accanto ai quali se ne muovono molti altri, ciascuno assai ben descritto e presentato dalla George, in un contesto multietnico e in una Londra davvero insolita per clima e luoghi visitati dal romanzo. La George possiede un tocco speciale nel raccontare una storia di mutilazioni e prevaricazioni senza scivolare mai nell’orrore, una grande abilità nel mescolare la trama gialla, impeccabile, con le vicende personali dei principali attori rendendoli umani e accattivanti nelle loro debolezze e mancanze. E per finire un’innegabile capacità di scandagliare il difficile rapporto fra bianchi e neri affrontando il tema del razzismo e delle segregazione, entrambi non sempre a carattere unidirezionale.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.