Acciaio
4 1
Libri Moderni

Avallone, Silvia

Acciaio

Abstract: Nei casermoni di via Stalingrado a Piombino avere quattordici anni è difficile. E se tuo padre è un buono a nulla o si spezza la schiena nelle acciaierie che danno pane e disperazione a mezza città, il massimo che puoi desiderare è una serata al pattinodromo, o avere un fratello che comandi il branco, o trovare il tuo nome scritto su una panchina. Lo sanno bene Anna e Francesca, amiche inseparabili che tra quelle case popolari si sono trovate e scelte. Quando il corpo adolescente inizia a cambiare, a esplodere sotto i vestiti, in un posto così non hai alternative: o ti nascondi e resti tagliata fuori, oppure sbatti in faccia agli altri la tua bellezza, la usi con violenza e speri che ti aiuti a essere qualcuno. Loro ci provano, convinte che per sopravvivere basti lottare, ma la vita è feroce e non si piega, scorre immobile senza vie d'uscita. Poi un giorno arriva l'amore, però arriva male, le poche certezze vanno in frantumi e anche l'amicizia invincibile tra Anna e Francesca si incrina, sanguina, comincia a far male. Silvia Avallone racconta un'Italia in cerca d'identità e di voce, apre uno squarcio su un'inedita periferia operaia nel tempo in cui, si dice, la classe operaia non esiste più.


Titolo e contributi: Acciaio / Silvia Avallone

Pubblicazione: Milano : Rizzoli, 2010

Descrizione fisica: 357 p. ; 23 cm

Serie: La scala

ISBN: 978-88-17-03763-1

Data:2010

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • Finalista LXIV Premio Strega 2010
  • importato da /opt/bmw2/home/bibliolandia4/import/PONTAR.ISO recno 28811

Nomi:

Classi: 853.92 NARRATIVA ITALIANA. 2000- (0) Letteratura italiana - 2000-

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2010

Sono presenti 28 copie, di cui 2 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Pontedera, Giovanni Gronchi NARRATIVA 853 AVA acc 1 0010-34418 Su scaffale Disponibile
Pontedera, Giovanni Gronchi NARRATIVA 853 AVA acc 0010-35617 Su scaffale Disponibile
Casciana Terme 853 AVA 1 0080-6321 Su scaffale Disponibile
Crespina Narrativa adulti 853.92 AVA 1 0090-9219 Su scaffale Disponibile
Santa Maria a Monte 853.92 AVA 0100-13169 Su scaffale Disponibile
Ponsacco 853.92 AVA 1 0110-12280 Su scaffale Disponibile
Pontedera, Liceo Classico e Scientifico XXV Aprile 853.914 AVA 1 2000-10135 Su scaffale Non disponibile
Cascina 853.92 AVA 0020-16925 In prestito 09/07/2018
Cascina 853.92 AVA 0020-16933 Su scaffale Disponibile
Vicopisano 853 AVA 1 0030-16508 Su scaffale Disponibile
Pomarance AMIMAF 853.92 AVA 0140-8962 Su scaffale Disponibile
Vecchiano 853.92 AVA 0170-8794 In prestito 27/05/2014
Montopoli in Val d'Arno 853.92 AVA 0180-21675 Su scaffale Disponibile
Peccioli, Fonte Mazzola 853.92 AVA 0210-3359 Su scaffale Disponibile
Buti 853.92 AVA 0190-8439 Su scaffale Disponibile
Pontedera, BiblioCoop 800 AVA 1
(Ristampa: 28-2010)
0320-35363 Su scaffale Disponibile
San Giuliano Terme 853 AVA 1
(Ristampa: 11-2010)
0040-15917 Da scartare Non disponibile
Pontedera, Ospedale Lotti 800 AVAS 1
(Ristampa: 24-2010)
0310 -2677 Su scaffale Non disponibile
Pontedera, ITCG Fermi Renato Marzini 853 AVA ACC 2020-1521 Su scaffale Disponibile
Biblioape 853 AVA 0390-364 Su scaffale Non disponibile
San Miniato, ITC Cattaneo 853.92 AV 0400-275 Su scaffale Non disponibile
San Miniato, San Miniato Basso NAD 853.92 AVA SM038-49065 Su scaffale Disponibile
San Miniato, Mario Luzi NAD CCL 853.92 AVA ACC SM038-49392 Su scaffale Disponibile
853.91 AVA 2 Su scaffale Non disponibile
Calcinaia Fornacette 853.9 AVA FOR 0120-19178 Su scaffale Disponibile
Pomarance AMIMAF 853.92 AVA 0142-240 Su scaffale Disponibile
Castellina Marittima 853.9 AVALS 4048 Su scaffale Disponibile
San Miniato, BiblioCoop NAD 853.92 AVA ACC 0041-592 Su scaffale Prestito locale
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

La Avallone mette molta carne al fuoco: i personaggi che si intrecciano in questo libro, e quindi le loro storie, tracciano diversi temi tutt'altro che leggeri: le morti sul lavoro, la crisi economica, la violenza domestica. Temi tutt'altro che semplici, insomma, e nel tentativo di tenerli tutti assieme la Avallone un po' ci si perde... Ma volendo dare una definizione d'insieme di questo romanzo, si può dire che, al netto di tante storie e di tante tematiche che cerca di affrontare, rappresenta un ritratto crudo e realistico della periferia italiana. In particolare la periferia raccontata qui è quella di Piombino, città che evidentemente la scrittrice deve conoscere molto bene: le descrizioni che ne fa sono tutt'altro che vaghe, ci si muove bene, ne descrive accuratamente ogni cosa, dai paesaggi alle strade, fino all'umanità che li abita. In questo la Avallone ha colto nel segno: nel raccontare uno spaccato della nostra realtà, in particolare quello del microcosmo che ruota attorno alla Lucchini, ma che in generale può essere esteso a qualunque periferia delle nostre città. I personaggi che popolano questo microcosmo in buona parte sono rassegnati a non avere alternative (al di fuori della fabbrica, al di fuori di un matrimonio infelice) oppure le trovano spesso nell'illegalità; la maggior parte di loro non crede nella scuola e nel potere dell'istruzione; si muovono fra spiagge, bar, discoteche e feste di paese; cercano emozioni nel sesso o nella coca; le vicende che provengono dal mondo di fuori, e che vagamente percepiscono attraverso tv o giornali, sono per molti di loro qualcosa di lontano, di superfluo. L'isola d'Elba, a un'ora di traghetto, è un sogno che sembra irraggiungibile. Eppure a ciascuno di questi personaggi la Avallone riesce a dare sfaccettature diverse; ciascuno di essi rivela nel corso della storia altri aspetti di se stesso, che riescono a far ricredere il lettore, in positivo o in negativo che sia. In questo senso il personaggio più complesso e affascinante è sicuramente quello di Alessio.
Ma oltre alla narrazione amara di questa vita di provincia, "Acciaio" è, anche e soprattutto, un meraviglioso racconto sull'adolescenza e sull'amicizia al femminile. Al centro della storia, infatti, c'è il legame tra Francesca e Anna, profondamente diverse fra loro eppure complementari, inizialmente inseparabili e poi portate a dividersi. Francesca vuol fare la showgirl, Anna vuole studiare architettura; Francesca è bionda, Anna ha una chioma di ricci bruni; Francesca ha un padre violento, Anna un padre che non si fa vedere in casa per mesi interi. Vivranno assieme scuola, amori, giornate estive in spiaggia o chiuse nel bagno di casa a truccarsi; sentiranno confusamente e con senso di colpa l'ambiguità e la profondità insite nel loro stesso rapporto, fino ad un certo punto a litigare e a separarsi. Passerà del tempo e poi, devastate entrambe da vicende familiari che hanno travolto le loro vite, riusciranno a ritrovare nella purezza del loro rapporto il punto di partenza per allontanarsi da quella vita (finalmente, infatti, nelle pagine finali si ritrovano e decidono di raggiungere l'Elba). La Avallone racconta con dolcezza ma anche con disperazione, e da un punto di vista esclusivamente femminile, la difficoltà dell'essere adolescenti in quella particolare realtà. Anche Francesca e Anna a tratti saranno cattive, insopportabili, stupide, a tratti sincere, umane, insinuando nel lettore il senso della compassione (non nell'accezione negativa del termine, ma intesa come condivisione del pathos).
In quanto allo stile, quello della Avallone è a tratti crudo, brutale, disturbante; a tratti semplicistico, quasi sgrammaticato (ma in questo, credo, è funzionale alla realtà che vuole raccontare); a tratti invece è profondo, lirico, tratteggia descrizioni bellissime. Ad ogni modo, ti prende poco a poco, e superato un certo punto la storia comincia a scorrere e si lascia leggere tutta d'un fiato. I protagonisti diventano personaggi reali, che potresti incontrare a pochi isolati da casa tua.
"Acciaio" non è certamente un romanzo perfetto; pecca soprattutto nel voler cercare di raccontare tanto, forse troppo, e nel farlo non riesce alla fine ad andare a fondo in tutto; ma offre un punto di vista vero sulla realtà, e lo fa con coraggio. Non è forse questo che ci si aspetta dalla letteratura?

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.